hai aggiunto

  in ordine
Totale Prodotti:
Totale Prodotti MUTUABILI:


NUVARING*3SISTEMI RIL VAGINALE

NUVARING*3SISTEMI RIL VAGINALE

MSD ITALIA Srl

Codice: 035584022

prezzo: € 48,00

Ricetta medica obbligatoria


Descrizione del prodotto

AVVERTENZE
Qualora sia presente uno qualunque dei fattori di rischio/condizioni di seguito indicati, i benefici dell'impiego del farmaco devono essere soppesati rispetto ai possibili rischi di ciascun caso individuale e discussi con la donna prima di decidere di iniziare ad utilizzare l'anello. In caso di aggravamento, esacerbazione o prima comparsa di una qualunque di queste condizioni o fattori di rischio, la donna deve contattare il proprio medico. Tutti i dati qui di seguito riportati sono basati su dati epidemiologici ottenuti con contraccettivi orali combinati (COC). Disturbi circolatori: l'uso di contraccettivi ormonali e' stato associato al verificarsi di trombosi venosa e trombosi arteriosa accompagnate da complicazioni con conseguenze qualche volta fatali. Sintomi di trombosi venosa o arteriosa possono comprendere: dolore e/o gonfiore inconsueto ad una gamba, improvviso forte dolore al petto, improvvisa mancanza di respiro, tosse che inizia improvvisamente, cefalea inusuale, forte, prolungata, improvvisa perdita parziale o completa della visione, diplopia, difficolta' di parola o afasia, vertigini, collasso con o senza crisi convulsiva focale, debolezza o intorpidimento molto marcato che colpisca improvvisamente un lato o una parte del corpo, disturbi motori, addome acuto. Il rischio di tromboembolia venosa aumenta con: eta', anamnesi familiare positiva, obesita', probabilmente anche con tromboflebite superficiale e vene varicose. Il rischio di complicazioni tromboemboliche arteriose aumenta con: eta', abitudine al fumo, dislipoproteinemia, obesita', ipertensione, emicrania, vizio valvolare cardiaco, fibrillazione atriale, anamnesi familiare positiva. Fattori biochimici che possono essere indicativi di predisposizione ereditaria o acquisita a trombosi venosa o arteriosa comprendono resistenza alla Proteina C Attivata (APC), iperomocisteinemia, deficit di antitrombina III, deficit di proteina C, deficit di proteina S, anticorpi antifosfolipidici. Altre condizioni mediche che sono state associate ad eventi avversi di tipo circolatorio comprendono diabete mellito, lupus eritematoso sistemico, sindrome uremico-emolitica, malattia infiammatoria cronica dell'intestino. In caso di trombosi sospetta o confermata, il contraccettivo orale combinato deve essere sospeso. Alcuni studi epidemiologici indicano che l'uso prolungato di contraccettivi orali costituisce un fattore di rischio per lo sviluppo del carcinoma della cervice nelle donne affette da papilloma virus umano (HPV). Il carcinoma mammario diagnosticato nelle utilizzatrici di contraccettivo orale tende ad essere clinicamente meno avanzato rispetto a quello diagnosticato nelle donne che non hanno mai usato un contraccettivo orale. Quanto osservato puo' essere dovuto ad una precoce diagnosi di carcinoma mammario nelle donne che assumono contraccettivi orali combinati, agli effetti biologici degli stessi o ad una combinazione di entrambi i fattori. Nelle donne che assumono contraccettivi orali combinati sono stati riportati raramente tumori epatici benigni e, ancor piu' raramente, tumori epatici maligni. Donne con ipertrigliceridemia o storia familiare di questa condizione possono presentare un aumentato rischio di pancreatite qualora assumano contraccettivi ormonali. Benche' in molte donne che assumono contraccettivi ormonali siano stati riportati lievi innalzamenti della pressione sanguigna, aumenti clinicamente rilevanti sono eventi rari. Sia durante la gravidanza che durante l'assunzione di contraccettivi ormonali e' stata riportata comparsa o aggravamento delle condizioni di seguito elencate: ittero e/o prurito da colestasi, formazione di calcoli biliari, porfiria, lupus eritematoso sistemico, sindrome uremico-emolitica, corea di Sydenham, herpes gestationis, perdita dell'udito da otosclerosi, angioedema (ereditario). Puo' comparire occasionalmente cloasma, soprattutto nelle donne con storia di cloasma gravidico. Se una donna soffre di una qualsiasi delle seguenti condizioni, puo' non essere in grado di inserire correttamente l'anello vaginale o puo' perderlo: prolasso della cervice uterina, cistocele e/o rettocele, stitichezza grave o cronica. Se si presentassero i sintomi di una cistite, nella diagnosi differenziale occorre considerare il posizionamento non corretto. Prima di iniziare o di ricominciare ad usare l'anello si deve raccogliere una completa anamnesi medica e deve essere esclusa una gravidanza. Deve essere controllata la pressione sanguigna e si deve effettuare un esame fisico. L'anello non protegge nei confronti dell'infezione da HIV (AIDS) ne' di altre malattie a trasmissione sessuale. L'efficacia puo' essere ridotta in caso di non aderenza o di assunzione contemporanea di altri medicinali. Durante l'uso dell'anello possono verificarsi sanguinamenti irregolari. In alcune donne puo' non presentarsi emorragia da sospensione durante l'intervallo libero da anello; se e' stato usato secondo le istruzioni e' improbabile che si sia instaurata una gravidanza. Tuttavia, se precedentemente alla prima mancata emorragia da sospensione l'anello non e' stato usato correttamente o se le emorragie da sospensione mancanti sono due, si deve escludere una gravidanza prima di continuare ad utilizzare l'anello vaginale. Non sono stati esaminati il grado ed il possibile ruolo farmacologico dell'esposizione all'etinilestradiolo ed all'etonogestrel del partner sessuale maschile attraverso l'assorbimento dal pene. E' stato segnalato che in occasioni molto rare l'anello si sia aperto durante l'uso. Si deve consigliare alla donna di rimuovere l'anello rotto e reinserire appena possibile un nuovo anello, e di usare in aggiunta un metodo di barriera, come un preservativo, per i successivi 7 giorni. Deve essere presa in considerazione la possibilita' di una gravidanza. E' stato riportato che l'anello puo' essere espulso, per esempio se l'anello non e' stato inserito in modo appropriato, durante la rimozione di un tampone assorbente, durante il rapporto sessuale o in caso di stipsi grave o cronica. Una espulsione prolungata puo' portare ad insuccesso dell'efficacia contraccettiva e/o emorragia da rottura. Se l'anello e' accidentalmente espulso e lasciato fuori dalla vagina per meno di 3 ore , l'efficacia contraccettiva non e' ridotta. La donna deve lavare l'anello con acqua fredda o tiepida (non calda) e reinserirlo appena possibile, ma al piu' tardi entro 3 ore. Se e' rimasto fuori dalla vagina, o si sospetta sia rimasto fuori dalla vagina per piu' di 3 ore , l'efficacia contraccettiva puo' essere ridotta.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Anello vaginale con progestinico ed estrogeno.
CONSERVAZIONE
Prima della dispensazione: 36 mesi, conservare in frigorifero ad una temperatura compresa fra i 2 gradi C e gli 8 gradi C. Il prodotto deve essere inserito entro 4 mesi dalla data di vendita o entro la data di scadenza nel caso questa cada prima. Dopo la dispensazione: 4 mesi, non conservare a temperatura superiore ai 30 gradi C. Conservare nella confezione originale.
CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Il farmaco non deve essere utilizzato in presenza di una qualunque delle sottoelencate condizioni. Qualora durante l'uso di NuvaRing compaia per la prima volta una qualunque di queste condizioni, esso deve essere immediatamente rimosso. Trombosi venosa in atto o pregressa con o senza embolia polmonare, trombosi arteriosa in atto o pregressa o prodromi di una trombosi. Predisposizione nota a trombosi venosa o arteriosa, con o senza coinvolgimento ereditario, come resistenza alla Proteina C Attivata (APC), deficit di antitrombina III, deficit di proteina C, deficit di proteina S, iperomocisteinemia e anticorpi antifosfolipidici (anticorpi anticardiolipina, lupus anticoagulante). Storia di emicrania con sintomi neurologici focali, diabete mellito con interessamento vascolare. Anche la presenza di un grave fattore o di piu' fattori di rischio di trombosi venosa o arteriosa puo' costituire una controindicazione all'uso. Pancreatite o storia di questa condizione se associata a grave ipertrigliceridemia, grave malattia epatica, in atto o pregressa, fino a quando i valori della funzionalita' epatica non sono tornati alla norma, tumori epatici (benigni o maligni), in atto o pregressi, patologie maligne, accertate o sospette, degli organi genitali o delle mammelle, se ormono-dipendenti, emorragia vaginale di natura non accertata. Ipersensibilita' ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti del farmaco.
DENOMINAZIONE
NUVARING
ECCIPIENTI
Etilene vinilacetato copolimero, 28% vinilacetato, etilene vinilacetato copolimero, 9% vinilacetato, magnesio stearato.
EFFETTI INDESIDERATI
Gli effetti indesiderati riportati piu' frequentemente negli studi clinici sono stati cefalea, infezioni vaginali e secrezione vaginale, ciascuno riportato dal 5-6% delle donne. Di seguito sono elencate le reazioni avverse al farmaco segnalate durante le sperimentazioni cliniche con il farmaco. Per descrivere un certo evento avverso, viene elencato il termine MedDRA (Medical Dictionary for Regulatory Activities) piu' appropriato. >>Infezioni e infestazioni. Comune: infezione vaginale. Non comune: cervicite, cistite, infezione delle vie urinarie. >>Disturbi del sistema immunitario. Post maketing: ipersensibilita'. >>Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Non comune: aumento dell'appetito. >>Disturbi psichiatrici. Comune: depressione, diminuzione della libido. Non comune: labilita' emotiva, alterazioni dell'umore, improvvisi cambiamenti di umore. >>Patologie del sistema nervoso. Comune: cefalea, emicrania. Non comune: capogiri, ipoestesia. >>Patologie dell'occhio. Non comune: disturbi della vista. >>Patologie vascolari. Non comune: vampate di calore. >>Patologie gastrointestinali. Comune: dolore addominale, nausea. Non comune: distensione addominale, diarrea, vomito, stipsi. >>Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Comune: acne. Non comune: alopecia, eczema, prurito, eruzione cutanea. Post maketing: orticaria. >>Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo. Non comune: dolore dorsale, spasmi muscolari, dolore alle estremita'. >>Patologie renali e urinarie. Non comune: disuria, urgenza della minzione, pollacchiuria. >>Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella. Comnune: tensione mammaria, prurito genitale femminile, dismenorrea, dolore pelvico, secrezione vaginale. Non comune: amenorrea, fastidio mammario, aumento di volume mammario, massa in sede mammaria, polipo cervicale, sanguinameno durante il coito, dispreunia, ectropion della cervice, mastopatia fibrocistica, secrezione genitale, menorragia, metrorragia, fastidio pelvico, sindrome premestruale, spasmo uterino, bruciore vaginale maleodorante, dolore vaginale, fastidio vulvovaginale, secchezza vulvovaginale. >>Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. Non comune: affaticamento, irritabilita', malessere, edema, sensazione di corpo estraneo. >>Esami diagnostici. Comune: aumento di peso. Non comune: pressione arteriosa aumentata. >>Traumatismo, avvelenamento e complicazioni da procedura. Comune: disagio correlato al dispositivo, espulsione del dispositivo. Non comune: complicanza da dispositivo, rottura del dispositivo. In rari casi i partner di donne che utilizzano l'anello vaginale hanno segnalato patologie del pene durante la sorveglianza post-marketing. Nelle donne che usano contraccettivi orali di tipo combinato sono stati riportati un certo numero di effetti indesiderati. Questi effetti comprendono: disturbi tromboembolici venosi, disturbi tromboembolici arteriosi, ipertensione, tumori ormono-dipendenti, cloasma.
GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
Il contraccettivo non e' indicato durante la gravidanza. Se dovesse instaurarsi una gravidanza con l'anello in situ, deve essere rimosso. Ampi studi epidemiologici non hanno rivelato alcun incremento nel rischio di difetti congeniti nei bambini nati da donne che hanno fatto uso di COC prima della gravidanza, ne' si e' verificato alcun effetto teratogeno nei casi in cui un COC sia stato usato inavvertitamente durante la fase iniziale della gravidanza. Uno studio clinico in un piccolo numero di donne ha mostrato che, a dispetto della somministrazione intravaginale, le concentrazioni intrauterine di steroidi contraccettivi con questo anello sono simili ai livelli osservati nelle utilizzatrici di COC. L'allattamento al seno puo' essere influenzato dagli estrogeni, in quanto essi possono ridurre la quantita' e modificare la composizione del latte materno. L'uso dell'anello deve percio' essere sconsigliato fino a quando la madre non ha completato lo svezzamento. Piccole quantita' di steroidi contraccettivi e/o dei loro metaboliti possono essere escrete nel latte ma non vi e' prova che cio' danneggi la salute del bambino.
INDICAZIONI
Contraccezione. L'uso del farmaco e' indicato nelle donne in eta' fertile. La sicurezza e l'efficacia sono state dimostrate in donne di eta' compresa tra 18 e 40 anni.
INTERAZIONI
Le interazioni tra contraccettivi ormonali ed altri medicinali possono portare ad emorragia da rottura e/o insuccesso dell'efficacia contraccettiva. Le seguenti interazioni sono state riportate in letteratura. Metabolismo epatico: possono verificarsi interazioni con medicinali che inducono enzimi microsomiali, risultanti in un aumento della clearance degli ormoni sessuali. Le donne in trattamento con uno di questi medicinali devono temporaneamente utilizzare un metodo di barriera in aggiunta o scegliere un altro metodo di contraccezione. Con i farmaci induttori degli enzimi microsomiali epatici, il metodo di barriera deve essere usato per tutto il periodo di somministrazione concomitante del farmaco e per i 28 giorni successivi alla sospensione del farmaco. Se la somministrazione del farmaco concomitante prosegue anche dopo le 3 settimane di ciclo di un anello, l'anello successivo dovra' essere inserito immediatamente senza osservare il consueto intervallo libero da anello. E' stata segnalata una perdita dell'efficacia contraccettiva anche con gli antibiotici, come penicilline e tetracicline. Il meccanismo di quest'effetto non e' stato ben chiarito. In uno studio farmacocinetico sulle interazioni, la somministrazione orale di amoxicillina (875 mg, due volte al giorno) o doxiciclina (200 mg al giorno 1, seguito da 100 mg al giorno) per 10 giorni durante l'utilizzo del contraccetivo, non ha influenzato significativamente la farmacocinetica dell'etonogestrel e dell'EE. Le donne in trattamento con antibiotici (tranne amoxicillina e doxiciclina) devono usare un metodo di barriera fino a 7 giorni dopo la sospensione. Se la somministrazione del farmaco concomitante prosegue anche dopo le 3 settimane di ciclo di un anello, l'anello successivo dovra' essere inserito immediatamente senza osservare il consueto intervallo libero da anello. Stando a dati di farmacocinetica, gli antimicotici per uso vaginale e gli spermicidi non dovrebbero influire sull'efficacia contraccettiva e sulla sicurezza dell'anello. Durante l'uso concomitante di ovuli antimicotici, la possibilita' di rottura dell'anello puo' essere leggermente piu' alta. I contraccettivi ormonali possono interferire con il metabolismo di altri farmaci. Di conseguenza, le concentrazioni plasmatiche e tissutali possono aumentare o diminuire. Devono essere consultate le informazioni sulla prescrizione di medicinali concomitanti per identificare potenziali interazioni. L'impiego di steroidi contraccettivi puo' influenzare i risultati di alcuni esami di laboratorio tra i quali parametri biochimici della funzionalita' epatica, tiroidea, corticosurrenalica e renale, livelli plasmatici delle proteine di trasporto, delle frazioni lipido/lipoproteiche, parametri del metabolismo dei carboidrati, della coagulazione e della fibrinolisi. Le variazioni rientrano, in genere, nei limiti dei valori normali di laboratorio. I dati farmacocinetici mostrano che l'uso dei tamponi assorbenti non ha effetto sull'assorbimento sistemico degli ormoni rilasciati dall'anello. In rare occasioni, l'anello puo' essere espulso durante la rimozione di un tampone.
POSOLOGIA
L'anello puo' essere inserito nella vagina direttamente dalla donna. Per l'inserimento, la donna deve scegliere una posizione a lei piu' comoda, ad esempio stando in piedi con una gamba alzata, accovacciata o sdraiata; deve essere compresso fra due dita ed inserito nella vagina fino a raggiungere una posizione confortevole. L'esatta posizione nella vagina non influenza l'effetto contraccettivo dell'anello. Una volta che e' stato inserito, esso viene lasciato in vagina ininterrottamente per L'anello deve essere rimosso dopo 3 settimane di uso, lo stesso giorno della settimana in cui era stato inserito. Dopo un intervallo libero da anello di una settimana, puo' essere inserito un nuovo anello (ad esempio, se l'anello viene inserito il mercoledi' intorno alle 22.00, deve essere rimosso di nuovo il mercoledi' della terza settimana successiva, all'incirca alle ore 22.00; il mercoledi' seguente deve essere inserito un nuovo anello ). Puo' essere rimosso agganciando il dito indice sotto l'anello oppure afferrando l'anello fra indice e medio e tirando verso l'esterno. L'emorragia da sospensione di solito inizia 2-3 giorni dopo la rimozione dell'anello e potrebbe non essere completamente terminata nel momento in cui deve essere inserito il nuovo anello. L'anello deve essere inserito il primo giorno del ciclo naturale della donna. E' possibile iniziare anche dal secondo al quinto giorno del ciclo, ma durante il primo ciclo, nei primi 7 giorni di utilizzo, si raccomanda di usare in aggiunta un metodo di barriera. Passaggio da un contraccettivo ormonale di tipo combinato: la donna deve inserire l'anello al piu' tardi il giorno seguente il consueto intervallo libero da pillola o libero da cerotto o seguente l'ultima compressa di placebo del precedente contraccettivo ormonale combinato. Se la donna ha usato il suo metodo precedente in modo coerente e corretto ed e' ragionevolmente sicura di non essere incinta, puo' anche passare dal suo precedente contraccettivo ormonale combinato in qualunque giorno del ciclo. L'intervallo libero da ormone del precedente metodo non deve mai essere esteso oltre il suo periodo raccomandato. La donna puo' passare da una minipillola in qualsiasi momento ma, in tutti i casi, la donna deve utilizzare un ulteriore metodo di barriera nei primi 7 giorni di impiego dell'anello. Dopo un aborto al primo trimestre la donna puo' iniziare immediatamente; in questo modo non sono necessarie ulteriori misure contraccettive. Si deve consigliare alla donna di iniziare il trattamento durante la quarta settimana successiva al parto o all'aborto al secondo trimestre. Se si inizia piu' tardi, utilizzare un ulteriore metodo di barriera per i primi 7 giorni di impiego del contraccettivo. Comunque, nel caso si siano gia' avuti rapporti sessuali, prima di iniziare il trattamento deve essere esclusa la gravidanza o la donna deve attendere il suo primo ciclo mestruale. L'efficacia contraccettiva ed il controllo del ciclo possono essere ridotti se la donna non rispetta la posologia raccomandata. In caso di deviazione, per evitare la perdita di efficacia contraccettiva devono essere forniti i seguenti consigli. Cosa fare in caso di prolungamento dell'intervallo libero da anello: la donna deve inserire un nuovo anello non appena si ricordi di farlo. Nei successivi 7 giorni deve essere usato anche un metodo di barriera. Se si sono avuti rapporti sessuali durante il periodo d'intervallo libero da anello, deve essere presa in considerazione la possibilita' che si sia instaurata una gravidanza. Cosa fare se l'anello viene temporaneamente espulso dalla vagina: esso puo' essere lavato con acqua fredda o tiepida (non calda) e deve essere reinserito immediatamente. Se e' lasciato fuori dalla vagina per un periodo inferiore alle 3 ore , l'efficacia contraccettiva non viene ridotta. La donna deve reinserire l'anello prima possibile, ma al piu' tardi entro 3 ore. Se l'anello rimane fuori dalla vagina, o si sospetta che sia rimasto fuori dalla vagina per un periodo superiore alle 3 ore durante la 1^a o 2^a settimana di utilizzo, l'efficacia contraccettiva puo' essere ridotta. La donna deve reinserire l'anello non appena si ricordi di farlo. Deve essere usato un metodo di barriera fin quando l'anello non sia rimasto in vagina continuativamente per 7 giorni. Se l'anello e' rimasto fuori dalla vagina, o si sospetta che sia rimasto fuori dalla vagina per piu' di 3 ore durante la 3^a settimana di impiego, l'efficacia contraccettiva puo' essere ridotta. La donna deve gettare quell'anello e inserire immediatamente un nuovo anello che dara' inizio al successivo periodo di impiego di 3 settimane. La donna puo' non avere una emorragia da sospensione dal suo precedente ciclo. Cosa fare in caso di uso prolungato dell'anello: sebbene non sia la posologia raccomandata, l'efficacia contraccettiva e' ancora soddisfacente a patto che l'anello sia stato utilizzato per un periodo massimo di 4 settimane. La donna puo' rispettare il suo intervallo libero da anello di una settimana e poi inserire un nuovo anello. Se NuvaRing e' rimasto inserito per un periodo superiore alle 4 settimane , l'efficacia contraccettiva puo' essere ridotta e deve essere esclusa l'eventualita' che si sia instaurata una gravidanza prima di inserire un nuovo anello. Se la donna non ha rispettato il regime raccomandato e successivamente non si e' verificata alcuna emorragia da sospensione nell'intervallo libero da anello seguente, prima di inserirne uno nuovo deve essere esclusa l'eventualita' che si sia instaurata una gravidanza. Se, in casi eccezionali, occorre ritardare un ciclo mestruale, la donna puo' inserire un nuovo anello senza rispettare alcun intervallo libero da anello. L'anello successivo puo' essere utilizzato per un periodo massimo di ulteriori 3 settimane. La donna puo' avere emorragia vaginale o spotting. L'uso regolare del contraccettivo viene poi ripreso dopo il solito intervallo di una settimana libero da anello. Per spostare il proprio ciclo mestruale ad un altro giorno della settimana diverso da quello utilizzato nel suo schema attuale, si puo' consigliare alla donna di abbreviare il suo successivo intervallo libero da anello del numero di giorni che preferisce. Piu' l'intervallo libero da anello e' breve, maggiore e' il rischio che la donna non abbia alcuna emorragia da sospensione e che possa poi avere emorragia da rottura e spotting durante l'uso dell'anello successivo.
PRINCIPI ATTIVI
Etonogestrel ed etinilestradiolo.

Codice Prodotto

035584022

chiudi
Continua a leggere...

€ 48,00
Prenota e Ritira