hai aggiunto

  in ordine
Totale Prodotti:
Totale Prodotti MUTUABILI:


AMLODIPINA MY*28CPR 10MG

AMLODIPINA MY*28CPR 10MG

MYLAN SpA

Codice: 039799186

prezzo: € 5,22

Prodotto mutuabile

Ricetta medica obbligatoria


Descrizione del prodotto

AVVERTENZE
La sicurezza e l'efficacia dell'amlodipina nelle crisi ipertensive nonsono state ancora definite. Pazienti con insufficienza cardiaca: i pazienti con insufficienza cardiaca devono essere trattati con cautela.In studi placebo controllati a lungo termine condotti su pazienti coninsufficienza cardiaca grave (NYHA di grado III e IV) e' stata riportata un'incidenza di edema polmonare maggiore nel gruppo trattato con amlodipina che in quello trattato con placebo. I bloccanti dei canali del calcio, compresa l'amlodipina, devono essere usati con cautela nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia, perche' possono aumentare il rischio di futuri eventi cardiovascolari e mortalita'. Pazienticon compromissione epatica: l'emivita dell'amlodipina e' prolungata ed i valori di AUC sono piu' alti in pazienti con funzionalita' epaticacompromessa; non sono state stabilite raccomandazioni circa il dosaggio. Pertanto, il trattamento con amlodipina deve partire dall'estremoinferiore dell'intervallo di dosaggio e deve essere usata cautela, siacon il trattamento iniziale sia al momento di aumentare la dose. Neipazienti con compromissione epatica grave e' richiesta una titolazionelenta del dosaggio ed un attento monitoraggio. Pazienti anziani. Negli anziani l'aumento del dosaggio deve essere effettuato con cautela. Pazienti con danno renale: l'amlodipina puo' essere utilizzata in questi pazienti alle dosi normali. Variazioni delle concentrazioni plasmatiche dell'amlodipina non sono correlate al grado di danno renale. L'amlodipina non e' dializzabile. Sodio Questo medicinale contiene meno di1 mmol di sodio (23 mg) per compressa, cioe' e' essenzialmente "senzasodio".
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Bloccanti dei canali del calcio, bloccanti selettivi dei canali del calcio con effetti principalmente vascolari, derivati diidropiridinici.
CONSERVAZIONE
Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce.
CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
L'amlodipina e' controindicata nei pazienti con: ipersensibilita' al principio attivo, ai derivati diidropiridinici, o ad uno qualsiasi degli eccipienti; grave ipotensione; shock (incluso shock cardiogeno); occlusione del tratto di efflusso ventricolare sinistro (ad es.: stenosiaortica di grado elevato); insufficienza cardiaca emodinamicamente instabile dopo infarto acuto del miocardio.
DENOMINAZIONE
AMLODIPINA MYLAN COMPRESSE
ECCIPIENTI
Calcio idrogeno fosfato, cellulosa microcristallina, sodio amido glicolato (tipo A), magnesio stearato.
EFFETTI INDESIDERATI
Le reazioni avverse piu' comunemente riportate durante il trattamentosono sonnolenza, capogiri, mal di testa, palpitazioni, vampate, doloreaddominale, nausea, gonfiore alle caviglie, edema e affaticamento. Leseguenti reazioni avverse sono state osservate e segnalate durante iltrattamento con amlodipina con le seguenti frequenze: Molto comuni (>=1/10); Comuni (>=1/100, <1/10); Non comuni (>=1/1000, <1/100); Rari (>=1/10000, >1/1000); Molto rari (<1/10000); Non nota (la frequenza nonpuo' essere definita sulla base dei dati disponibili). All'interno diogni gruppo di frequenze le reazioni avverse sono presentate in ordine di gravita' decrescente. Patologie del sistema emolinfopoietico. Molto raro: Leucocitopenia, trombocitopenia. Disturbi del sistema immunitario. Molto raro: reazioni allergiche. Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Molto raro: iperglicemia. Disturbi psichiatrici. Non comune: depressione, cambiamenti d'umore (inclusa ansia), insonnia; raro:confusione. Patologie del sistema nervoso. Comune: sonnolenza, capogiri, cefalea (specialmente all'inizio del trattamento); non comune: tremore, disgeusia, sincope, ipoestesia, parestesia; molto raro: ipertonia, neuropatia periferica; non nota: disturbi extrapiramidali. Patologie dell'occhio. Comune: disturbi della vista (inclusa diplopia). Patologie dell'orecchio e del labirinto. Non comune: tinnito. Patologie cardiache. Comune: palpitazioni; non comune: aritmia (inclusa bradicardia,tachicardia ventricolare e fibrillazione atriale); molto raro: infarto del miocardio. Patologie vascolari. Comune: vampate; non comune: ipotensione; molto raro: vasculite. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Comune: dispnea; non comune: tosse, rinite. Patologie gastrointestinali. Comune: dolore addominale, nausea, dispepsia, alterazioni delle abitudini intestinali (inclusa diarrea e costipazione); noncomune: vomito, bocca secca; molto raro: pancreatite, gastrite, iperplasia gengivale. Patologie epatobiliari. Molto raro: epatite, ittero,aumento degli enzimi epatici. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non comune: alopecia, porpora, discromia cutanea, iperidrosi,prurito, rash, esantema, orticaria. Molto raro: angioedema, eritema multiforme, dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson, edema di Quincke, fotosensibilità; non nota: necrolisi epidermica tossica. Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo. Comune: gonfiore alle caviglie, crampi muscolari; non comune: artralgia, mialgia, mal di schiena. Patologie renali e urinarie. Non comune: disturbi della minzione, nicturia, aumento della frequenza urinaria. Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella. Non comune: impotenza,ginecomastia. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede disomministrazione. Molto comune: edema; comune: affaticamento, astenia; non comune: dolori al petto, dolorabilità, malessere. Esami diagnostici. Non comune: incremento ponderale, decremento ponderale. Segnalarequalsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione.
GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
La sicurezza sull'uso di amlodipina nelle donne in gravidanza non e' stata ancora stabilita. Negli studi su animali, e' stata osservata tossicita' riproduttiva agli alti dosaggi. L'uso dell'amlodipina in gravidanza e' raccomandato solo nel caso in cui non ci siano alternative piu' sicure e nel caso in cui la malattia stessa rappresenti un rischio elevato sia per la madre che per il feto. L'amlodipina viene escreta nel latte materno. La percentuale della dose materna ricevuta dal neonato e' stata stimata con un intervallo interquartile del 3 - 7%, con unmassimo del 15%. L'effetto dell'amlodipina sui neonati non e' noto. Ladecisione se continuare o sospendere l'allattamento o se continuare osospendere la terapia con amlodipina deve essere presa tenendo in considerazione i benefici dell'allattamento al seno per il bambino e i benefici del trattamento con l'amlodipina per la madre. Alterazioni biochimiche reversibili nella testa degli spermatozoi sono state riscontrate in alcuni pazienti trattati con bloccanti dei canali del calcio. Idati clinici sul potenziale effetto dell'amlodipina sulla fertilita' sono insufficienti. In uno studio sui ratti, sono stati riscontrati effetti avversi sulla fertilita' maschile.
INDICAZIONI
Ipertensione; angina pectoris stabile cronica; angina vasospastica (angina di Prinzmetal).
INTERAZIONI
Inibitori del CYP3A4: l'uso concomitante di amlodipina con forti o moderati inibitori del CYP3A4 (inibitori della proteasi, azoli antifungini, macrolidi come eritromicina o claritromicina, verapamil o diltiazem) possono portare ad aumenti significativi nell'esposizione all'amlodipina risultante in un aumento del rischio di ipotensione. Le traslazioni cliniche di queste variazioni di PK possono essere pronunciate negli anziani. Possono essere richiesti monitoraggio clinico e aggiustamento della dose. Induttori del CYP3A4: al momento della somministrazioneconcomitante di induttori noti del CYP3A4, la concentrazione plasmatica di amlodipina puo' variare. Pertanto, deve essere monitorata la pressione sanguigna e deve essere valutato un possibile aggiustamento della dose sia durante sia dopo la somministrazione di farmaci concomitanti, in particolare con forti induttori del CYP3A4 (ad es. rifampicina,Hypericum perforatum). La somministrazione di amlodipina con pompelmoo succo di pompelmo non e' raccomandata poiche' la biodisponibilita'puo' essere aumentata in alcuni pazienti risultando in aumentati effetti di abbassamento della pressione sanguigna. Dantrolene (infusione) Negli animali, sono stati osservati fibrillazioni ventricolari letali ecollassi cardiovascolari in associazione con iperkaliemia dopo somministrazione di verapamil e dantrolene per endovena. A causa del rischiodi iperkaliemia si raccomanda che la somministrazione concomitante dibloccanti dei canali del calcio come l'amlodipina sia evitata in pazienti suscettibili di ipertermia maligna e nella gestione dell'ipertermia maligna. Effetti dell'amlodipina sugli altri medicinali. Gli effetti di abbassamento della pressione sanguigna dell'amlodipina si sommanoagli effetti di abbassamento della pressione sanguigna causati da altri prodotti medicinali con proprieta' antipertensive. Tacrolimus. Esiste il rischio di aumento dei livelli ematici di tacrolimus in caso disomministrazione concomitante con amlodipina, ma il meccanismo farmacocinetico di questa interazione non e' completamente chiaro. Per evitare la tossicita' di tacrolimus, la somministrazione di amlodipina a unpaziente trattato con tacrolimus necessita di monitoraggio dei livelliematici di tacrolimus e di aggiustamento della dose di tacrolimus quando appropriato. Obiettivo meccanicistico degli inibitori (mTOR) dellarapamicina. Gli inibitori di mTOR come sirolimus, temsirolimus, e everolimus sono substrati del CYP3A. Amlodipina e' un debole inibitore diCYP3A. Quando utilizzata in associazione con inibitori mTOR, Amlodipina puo' aumentare l'esposizione di tali inibitori. Ciclosporina Non sono stati effettuati studi d'interazione farmacologica con ciclosporinae amlodipina in volontari sani o in altre popolazioni ad eccezione dei pazienti sottoposti a trapianto di rene, nei quali sono stati osservati incrementi variabili della concentrazione di valle (media 0% - 40%) di ciclosporina. Occorre prendere in considerazione il monitoraggiodei livelli di ciclosporina nei pazienti sottoposti a trapianto di rene che assumono amlodipina e ridurre la dose di ciclosporina se necessario. Simvastatina. La co-somministrazione di dosi ripetute da 10 mg diamlodipina con 80 mg di simvastatina ha determinato un aumento del 77% dell'esposizione alla simvastatina rispetto a simvastatina da sola.Limitare la dose di simvastatina in pazienti in amlodipina a 20 mg algiorno. In studi clinici di interazione, l'amlodipina non ha alteratola farmacocinetica di atorvastatina, digossina o warfarin.
POSOLOGIA
Adulti: sia per l'ipertensione sia per l'angina la dose iniziale usuale e' di 5 mg una volta al giorno che puo' essere aumentata fino ad unmassimo di 10 mg a seconda della risposta individuale del paziente. Nei pazienti ipertesi, l'amlodipina puo' essere usata in combinazione con diuretici tiazidici, alfa-bloccanti, beta-bloccanti o inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina. Per l'angina, l'amlodipina puo' essere usata in monoterapia o in combinazione con altri prodotto medicinali antianginali in pazienti con angina refrattaria ai nitrati e/o a dosi adeguate di beta-bloccanti. Nessun adeguamento della dose e'richiesto in caso di somministrazione concomitante di diuretici tiazidici, beta-bloccanti o inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina Popolazioni speciali. Anziani: l'amlodipina usata a dosaggi simili negli anziani o nei pazienti piu' giovani e' tollerata ugualmentebene. Nell'anziano e' raccomandata la posologia normale, ma aumenti del dosaggio devono avvenire con cautela. Pazienti con compromissione epatica: non sono ancora state stabilite raccomandazioni sul dosaggio in pazienti con compromissione epatica da lieve a moderata, e pertantola scelta del dosaggio deve essere cauta e partire dall'estremo inferiore dell'intervallo di dosaggio. La farmacocinetica dell'amlodipina non e' stata studiata nei casi di compromissione epatica grave. Nei pazienti con compromissione epatica grave il trattamento con amlodipina deve iniziare con la dose piu' bassa ed essere dosato lentamente. Pazienti con compromissione renale: le modifiche nelle concentrazioni di amlodipina nel plasma non sono correlate con il grado di compromissione renale, quindi e' raccomandato il dosaggio normale. L'amlodipina non e'dializzabile. Popolazione pediatrica. Bambini e adolescenti con ipertensione dai 6 ai 17 anni d'eta': la dose orale antipertensiva raccomandata nei pazienti pediatrici dai 6 ai 17 anni e' 2.5 mg una volta al giorno come dose iniziale, la quale puo' essere aumentata a 5 mg una volta al giorno nel caso in cui l'effetto sulla pressione sanguigna nonsia stato raggiunto dopo 4 settimane. Dosi oltre i 5 mg al giorno nonsono state studiate nei pazienti pediatrici. Bambini sotto i 6 anni dieta': nessun dato e' disponibile. Metodo di somministrazione: compresse per somministrazione orale.
PRINCIPI ATTIVI
Ogni compressa contiene 5 mg o 10 mg di amlodipina (come amlodipina besilato).

Codice Prodotto

039799186

chiudi
Continua a leggere...

€ 5,22
Prenota e Ritira